Università di Parma                       Centro UCB


Home     Chi siamo / About us     Attività / Activities     Eventi / Events     Links     Pubblicazioni    




News



Costituzione ed emergenza:
verso la fine del tunnel,
con qualche speranza e (ancora)
con qualche dubbio
Antonio D'Aloia
BioLaw Journal
Rivista di BioDiritto

(1/2020)

________

Un diritto per la pandemia
Special Issue
BioLaw Journal

Rivista di BioDiritto

(1/2020)

________


Webinar: La tempesta del Covid.
Dimensioni bioetiche
10 giugno 2020
________ ________

Webinar: Costituzione e Covid-19
Il diritto nell’emergenza della pandemia
Esperienze comparate
26 maggio 2020
________

Ricordiamo che la scuola
deve formare, non informare

Fausto Caruana

Istituto di Neuroscienze, CNR

(Parma)

Centro Universitario di Bioetica

12 maggio 2020

Gazzetta di Parma

________

COVID-19:
La decisione clinica in condizioni
di carenza di risorse e il criterio
del “Triage in emergenza pandemica”

8 aprile 2020

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Comitato Nazionale per la Bioetica

________

Sperimentazione animale con riferimento
ai divieti posti dal D.L. 26/2014
in merito agli xenotrapianti e alle sostanze di abuso

27 marzo 2020

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Comitato Nazionale per la Bioetica
________


Call for papers
Cognitive Science meets the Humanities
Italian Association of Cognitive Science (AISC)
Midterm Conference 2020

May 26th-28th, 2020

University of Parma
Submission deadline March 31st, 2020 

________

Xenobot,
il primo robot vivente fatto con cellule

14 gennaio 2020

Repubblica.it

________

TerraTerraTerraFuoco AriaAria Aria Aria Aria Aria Acqua

Il centro interdipartimentale di studi bioetici nasce nel giugno 2016 su iniziativa del Dipartimento di Giurisprudenza, Studi Politici e Internazionali. La sua mission è quella di costruire un luogo di riflessione e di confronto interdisciplinare intorno ai progressi della medicina e della ricerca scientifica nei settori della salute e delle biotecnologie, delle politiche ambientali e di sostenibilità, e alle implicazioni etiche, giuridiche, economiche, sociali di questi sviluppi.

Fin dall’inizio hanno aderito al Centro quasi tutti i Dipartimenti dell’Ateneo, e oltre 130 docenti e ricercatori provenienti dai più diversi settori scientifico-disciplinari, realizzando in questo modo le condizioni più idonee a promuovere l’integrazione delle competenze scientifiche e didattiche, e a riflettere in definitiva la complessità e la ricchezza tematica e metodologica dell’universo bioetico. Inoltre, il Centro ha attivato da subito convenzioni e protocolli di collaborazione con ordini professionali e altri istituti e organismi anche privati, allo scopo di rafforzare lo scambio, l’approfondimento reciproco, e la circolazione di conoscenze ed esperienze.

Accanto all’attività di ricerca e di promozione del dibattito pubblico sui temi (spesso controversi) della bioetica, il Centro svolge attività di alta formazione universitaria, nonché di aggiornamento e specializzazione professionale, e intende proporsi come interlocutore e organismo di collaborazione  di centri di ricerca analoghi in Italia e all’estero, nonché di istituzioni e soggetti (pubblici e privati) che a diversi livelli operano con riferimento ai problemi della salute, della ricerca biotecnologica, della tutela dell’ambiente.

Per una più analitica descrizione delle finalità del Centro, si rinvia all’art. 2 del Regolamento.